NEI TUOI LOBI C’ERA UN MONDO

NASCERò COME NEVE

QUANDO POI COME LE LUNE, PORTAMI LE LUNE

NAUFRAGHE IN DESERTI PIù NERI.

 

TRA I TUOI NEI, MI PERDERò SEMPRE

E POI PORTAMI I DESERTI, POI COME I DESERTI

TI NUTRI DI OGNI SORTA DI SETE

 

SARò FREDDO E CI RIUSCIRò

A NON MENTIRE PER POI MORIRE

ED è PER QUESTO CHE RINASCERò

E SCOPRIRò NEI TUOI LOBI MONDI NUOVI…

 

…E NEI TUOI LOBI C’ERA UN MONDO ED IO CENTRAVO IGNARO DI QUANTO FOSSE FONDO,
COME L’ABISSO DEI TUOI OCCHI PERSI IN UN QUALCHE VIAGGIO
IN UNA VITA DOVE LA LONTANANZA è SOLO UN MIRAGGIO.

MA RICORDA, SE TU SEI IL VECCHIO,
IO SONO IL MARE, E IN QUESTA BARCA SANTIAGO HAI SOLO DA IMPARARE,
ANCHE SE SIAMO UGUALI ENTRAMBI VITTIME DEL VENTO,
UNA COSA NON HAI CONSIDERATO: IO TRASCENDO DAL TEMPO.

QUINDI AMA LA TUA BARCA NELLA MANIERA PIù PROFONDA
PERCHè SOLO LEI POTRà SALVARTI DALLA MIA PROSSIMA ONDA.

MA ORA è PACE E GODIAMOCI QUESTO SILENZIO ASTRALE
E POI NAVIGHIAMO A NORD-OVEST E SPUTIAMO IN FACCIA A QUESTO MAESTRALE.

 

NASCERO’ COME NEVE

 

ORA NON PUOI VINCERMI

POTRAI SOLTANTO PERDERTI

ORA NON PUOI SPEGNERMI

LO SANNO ANCHE GLI ALBERI.