Updates – ultima settimana [02-08 marzo 2020]

Updates – ultima settimana [02-08 marzo 2020]

8 Marzo 2020 0 Di ilfaroindie

Un’ ampia selezione di canzoni raccolte in una playlist spotify aggiornata ogni settimana che riporta tutte le uscite degne di nota.

Le Uscite Consigliate

Pufuleti: un siciliano che vive in Germania da quando ha 4 anni ma insegna agli italiani come fare il rap. Un prodotto discografico che suona freschissimo e innovativo, e al contempo incarna lo spirito hip hop molto più dei cosiddetti ‘puristi’. Una perla underground da non lasciarsi scappare.

Jhené Aiko: raffinato, è forse l’aggettivo che più si addice alla carriera di questa cantante R&B e sicuramente è anche l’aggettivo migliore per descrivere il suo nuovo album “Chilombo”.
Un album slow jam arricchito anche da alcune collaborazioni eccellenti: Nas, TyDolla Sign e John Legend.

Materazi future club: il secondo convocato dai ragazzi di Materazi Future Club è Gennaro Gattuso. Questo progetto continua a mandarci fuori di testa, mescolando schitarrate post-punk, elettronica e icone del calcio italiano. Si prospetta in divenire una formazione stellare.

R.A.P. FERREIRA: il rapper che avevamo conosciuto come Milo torna con un nuovo album e un nuovo nome.
“Purple moonlight pages” in realtà strizza l’occhio da vicino agli ibridi jazz-rap dei primi anni ’90, ma lo fa mantenendo l’ eleganza e la libertà espressiva che da sempre contraddistingue i suoi lavori.

Pit Coccato: un disco d’esordio su cui avevamo molte aspettative, che sono state ampiamente rispettate. La maturità artistica di Pietro è davvero impressionante; il disco spazia su più generi ed è una gioia per gli ascoltatori più curiosi e preparati. Atmosfere cupe e una marcata emotivitá contraddistinguono questo suo primo disco davvero notevole.

Cornershop: presenti nel panorama alternative/britpop da ormai 30 anni, i Cornershop tornano dopo 8 anni con un album autoprodotto che è una vera e propria celebrazione alla loro carriera.
“England is a garden” è un inno alla loro infanzia e ai loro anni 70. Uno sguardo al passato ma con diverse contaminazioni che riescono a riportare il disco nel 2020.

Tota: a più di un anno dal suo primo disco ufficiale, Tota torna con un EP che suona decisamente più maturo e personale, un lavoro che mostra tutta la crescita e le potenzialità del ragazzo umbro ma ormai milanese di adozione. Produzioni curate e liriche mai banali, il diamante sta diventando sempre meno grezzo.

Prince Josh: il debutto da solista dell’artista canadese porta in dote un disco ipnotico che riesce a legare insieme sonorità hip-hop a sonorità house.
Un disco strumentale “contaminato” solo in alcuni brani con parti cantate e/o rappate.