Quando la musica spezza il cuore – i Sxrrxwland si fermano qui

Quando la musica spezza il cuore – i Sxrrxwland si fermano qui

14 Novembre 2019 0 Di Stefano Maiorana

Con un post su instagram il collettivo romano annuncia lo scioglimento

Dopo solo un anno dall’uscita del loro primo, bellissimo EP, i Sxrrxwland dicono basta, il loro viaggio si ferma qui. La notizia lascia certamente l’amaro in bocca, sia ai fan che avevano annusato la situazione, sia a chi leggendo il post è caduto dalle nuvole.

Uno di quegli addii (o forse solo arrivederci) per nulla facili da digerire. Perchè il progetto SXR aveva portato una ventata d’innovazione che nello stagnante e saturo panorama musicale italiano era ossigeno puro. Artisticamente difficili da collocare in un genere specifico, in grado di unire musica, grafica, design e moda in maniera strabiliante, con delle liriche che ti entrano dentro e fanno male, capaci di trasporre il dolore su musica in un modo efficace come mai prima d’ora.

 

Lei dice Vipra non arriva a domattina, babe
Se muoio è per vedere che cosa succede
Lei dieta low-carbo
Vuole un piatto caldo
Escargot, questa Car2Go sembra un cargo
Siamo limone e ghiaccio se finisce l’alcool
Solo persone sole soltanto

(Pillole – Sxrrxwland)

 

Proprio per questo in così poco tempo si è sviluppata una fan base così vasta e affezionata al trio, che ha rappresentato in maniera superba lo stato emotivo di migliaia di ragazzi. Tutto ciò è stato possibile solo grazie alla genuinità con cui i Sxrrxwland si sono rapportarti a queste tematiche, in modo sempre onesto e credibile.

Questo non lo dico esclusivamente da fan, ma anche in base a come abbiamo avuto modo di conoscerli lo scorso anno, in occasione di una delle prime video-intervista realizzata dalla nostra webzine.

 

 

Solo persone sole soltanto

Ed è solo grazie alla credibilità che hanno questi ragazzi, che non possiamo che accettare e accogliere di buon grado la loro decisione, prendendo per buoni quelli che sono stati i motivi di questa scelta.

 

“È proprio per rispetto nei confronti di tutte queste persone eccezionali che sentiamo di dover essere totalmente sinceri. Molti stavano aspettando un disco che non arriverà, perché ci siamo resi conto di voler consegnare un lavoro per il quale -al momento- non avevamo la concentrazione e l’esperienza necessari. La musica e l’arte in generale sono sempre stati il nostro obiettivo al di là delle strategie e dei numeri social, e chi ci conosce lo sa.”

 

Nel loro post di addio si parla anche della loro scelta di intraprendere dei percorsi solisti, in cui saranno “reciprocamente presenti“, quindi forse ci stiamo fasciando la testa prima del dovuto.

Resta però questa sensazione d’impotenza, di aver perso qualcosa di bello, tipica delle rotture di un legame che Vipra ha saputo raccontarci benissimo nei testi. Dolore inevitabile ma necessario, che forse dovremmo lasciare qui e rallegrarci di tutto il bello che ha creato SXR.

 

Sbrigati ad uscirne
Che qui chi resta affonda
Io che è da tempo che ormai ci sono dentro, ma tu
Lasciami qui, tu lasciami qui, lasciami qui

(Lasciami qui – Sxrrxwland)

 

 

Addio quindi a Osore, Vipra e Tremila. E grazie per averci insegnato le buone maniere, nel mio immaginario avete già lasciato un buco più grande di Niccolò Contessa. Ci vediamo a Danse Macabre per i saluti.

In cuor mio spererò sempre in un vostro ritorno, vi odio troppo per amarne altri  💔

 

Piangono per Vipra, la matita scola
Non c’ho voglia, dai, facciamo un’altra volta

(Facebook – Sxrrxwland)

 

Stefano Maiorana