IL FARO INDIE X LINOLEUM: Intervista a I SEGRETI

IL FARO INDIE X LINOLEUM: Intervista a I SEGRETI

5 Dicembre 2018 0 Di ilfaroindie

Venerdì 30 Novembre abbiamo assistito al live de I Segreti, all’interno della serata organizzata da Futura Dischi e Linoleum al RocketClub di Milano.

Prima del live abbiamo fatto una chiacchierata con Filippo Arganini, Emanuele Santona e Angelo Zanoletti, i quali ci hanno raccontato di quando si sono conosciuti a scuola, dell’emozione di suonare su un palco importante come l’Alcatraz e di quel pomeriggio in cui hanno scoperto di essere in copertina su “Indie Italia“; scoprite tutto questo e molto altro nell’intervista trascritta qui sotto oppure in formato video qui di seguito:

 

Com’è svegliarsi una mattina e trovarsi in copertina della playlist “Indie Italia” di Spotify? 
Noi lo abbiamo saputo di pomeriggio, per cui è bello (ridono). No, è stata una cosa che non ci aspettavamo, siamo stati super contenti della notizia.
Quando ce l’hanno comunicato non ci credevamo tantissimo, non capivamo il motivo per cui eravamo in quella playlist. Abbiamo festeggiato in maniera pacata, perchè non ce l’aspettavamo. Anzi, ci hanno anche detto che abbiamo reagito in maniera troppo pacata, quasi “cazziandoci. (dicono scherzando)
Il disco è uscito ormai da un mese, avete un sacco di date davanti e il pubblico sta apprezzando molto il vostro progetto, quale sarà lo step successivo? 
Il prossimo disco e suonare il più possibile, concentrandoci sul tour, data per data e lavorare ai pezzi in modo da entrare in studio per il secondo album a breve.
I singoli che hanno anticipato “Qualunque cosa sia” hanno avuto numeri impressionanti, ve lo aspettavate? 
No, è un album a cui abbiamo lavorato tanto insieme al nostro produttore Simone, il quale due anni fa ha sentito il nostro primo provino e ha deciso di lavorare con noi e fare i pezzi. Noi l’abbiamo improntata sul cercare di arrivare a molte persone, non ci aspettavamo di arrivare a cosi tante persone in poco tempo.. è stato tutto inaspettato, come la copertina di Indie Italia. Lo abbiamo fatto credendoci.
Quando e come è arrivata Futura Dischi nel vostro percorso artistico? 
Un anno fa più o meno, è entrata a piedi pari nel progetto. Siamo stati fortunati perchè è una piccola realtà che sta crescendo con noi, per noi è molto importante perchè si è presa cura del progetto in modo totale.
Qual’è stata la vostra più grande soddisfazione fino ad ora riguardo il vostro percorso?
Penso sia aver suonato all’Alcatraz, è stato il momento di maggior soddisfazione, forse anche più della copertina di Indie Italia, la notizia che avremmo suonato su un palco del genere ci ha emozionato di più, era molto più vera.
La sera che ci è arrivata la notizia eravamo insieme, ed è stato veramente bello, la nostra prima grande conquista.

Parliamo un po’ del panorama musicale del momento, come la interpretate questo boom della musica indie italiana? E come vi vedete in mezzo a questo boom?
Per il momento sembra buono, è già qualche anno che il fenomeno indie è esploso,  noi cerchiamo di galopparci dentro, facciamo il nostro per esserci. Sicuramente oggi ci sono molti più canali per arrivare alle persone rispetto a prima, anche per quanto riguarda i live sui palchi. Noi continuiamo a far canzoni e a suonare live, dove ci mettono non è compito nostro.
La vostra musica cambia in relazione ai commenti che raccogliete dopo i live dai vostri fan? Tenete in considerazione i feedback ricevuti? 
Si, ne abbiamo ricevuti parecchi e li stiamo tenendo conto; ad esempio ci hanno detto che in una canzone che facciamo all’inizio del live che è Torna a casa di sfruttarla alla fine, ci abbiamo provato e abbiamo visto che funziona, infatti stasera abbiamo deciso di fare così.
Come vi siete conosciuti e come avete fatto nascere il progetto ” I segreti”?
Siamo nati sei anni fa e avevamo un nome differente che era I segreti di Charlotte, lo abbiamo cambiato per l’uscita di questo album. Ci siamo conosciuti a scuola, nella classica situazione di band del liceo, abbiamo iniziato a suonare insieme e a divertirci.
Il senso del nome è sempre rimasto lo stesso, la cosa che ci interessava era l’aurea de “I Segreti” restasse anche dopo il cambio del nome.
Credits:
Domande – Stefano Maiorana
Intervista – Jessica Fuschillo
Regia – Serena Raso
Montaggio Video – Alba De Bellis